Associazione Europea Scuola e ProfessionalitÓ Insegnante
Corso Buenos Aires, 2 - 20124 MILANO
Tel. : (++39)0289451825
Cell.: 3387315646
Fax : (++39)026430486
E-mail: eurduemila@tiscali.it

http://www.aespi.org

 

ADOLESCENZA E IDENTITA’ DI GENERE:

Un’introduzione al problema.

 

Venerdì 26 febbraio 2010

Istituto Comprensivo Assisi 3 – Scuola Media "F. Pennacchi" - PETRIGNANO

ASSISI (PG)


ore 9.30 Accoglienza e registrazione dei presenti.
ore 10.00 Saluti delle autorità presenti.

ore 10.20 Prof. Giuseppe Manzoni di Chiosca, Presentazione del Corso: identità come realizzazione di un progetto
ore 10.40 Prof. Alessandro Cesareo, Problemi etici e sociali connessi alla nozione di identità e diversità.
ore 11.00 Prof. Matteo D’Amico, Lo scontro fra cultura del gender e originarietà della differenza maschile-femminile: valutazioni culturali e proposte didattiche

ore 11.30Tavola Rotonda: Per una corretta educazione alla diversità tra i sessi: aspetti educativi, riflessi didattici.
ore 12.30 Chiusura dei lavori.

Per informazioni e iscrizioni: telefonare 0289451825; cell.: 3401017408;

e-mail: eurduemila@tiscali.it.

Direttore responsabile del Corso: Prof. Giuseppe Manzoni di Chiosca (coordinatore delle attività di formazione dell’AESPI).

Con il patrocinio del

Comune di Assisi

Con decreto del 2/08/2005 l’AESPI è stata inserita dal MIUR nell’elenco dei soggetti accreditati per la formazione dei docenti; pertanto il Corso gode di riconoscimento ministeriale ai fini della formazione in servizio ed i docenti di tutta Italia che intendono partecipare possono usufruire dell’esonero dal servizio alle consuete condizioni.

 


 

Associazione Europea Scuola e ProfessionalitÓ Insegnante
Corso Buenos Aires, 2 - 20124 MILANO
Cod. fiscale: 97339440154
Con decreto in data 2/08/2005 l'AESPI Ŕ stata riconosciuta dal MIUR come soggetto accreditato per la formazione del personale della scuola. Pertanto tutti i corsi godono di riconoscimento ministeriale ai fini della formazione in servizio ed i docenti che intendono parteciparvi possono usufruire dell'esonero dal servizio alle consuete condizioni.